0
Posted settembre 28, 2018 by Sara Giannino in Il Cenacolo Bruscianese
 
 

Puliamo il Mondo: Intervista All’assessore Giuseppe Cinque


Puliamo il Mondo: Intervista all’Assessore Giuseppe Cinque

di Sara Giannino

Intervista all’Assessore all’ambiente del Comune di Brusciano Giuseppe Cinque

(Questo articolo rientra nell’ambito del progetto socioculturale “Il Cenacolo Bruscianese”)

“Pulire il mondo dai rifiuti” e dalla cattiva educazione civile è uno degli obiettivi del progetto omonimo promosso da Legambiente e recepito dal “Comune di Brusciano” nell’ambito dell’iniziativa “Puliamo il Mondo”.

Noi del Cenacolo Bruscianese, per comprendere tutte le sfumature di questa lodevole iniziativa, siamo andati a intervistare l’assessore all’ambiente, informatica e innovazione PA Giuseppe Cinque.

Una breve e amichevole chiacchierata, con la quale speriamo di fornire alla cittadinanza bruscianese informazioni utili sullo svolgimento della campagna “Puliamo il Mondo” sul territorio del Comune di Brusciano.

Intervista:

Quali sono le motivazioni dietro la scelta del Comune di Brusciano di aderire all’iniziativa di Legambiente “Puliamo il Mondo”?

Il Comune di Brusciano ha aderito a questo progetto perché l’amministrazione crede che possa essere un buon punto di partenza per iniziare una campagna di sensibilizzazione sui temi ambientali e del rispetto del territorio. Ha deciso di aderire a questa campagna con lo scopo e il preciso obiettivo di sensibilizzare, innanzitutto, l’opinione pubblica sulle tematiche ambientali che in questo periodo, pare,  non siano ancora benviste.

Cercando di sensibilizzare la cittadinanza  sulla pericolosità dell’abbandono incontrollato dei rifiuti così da arginare l’inciviltà che spesso ha visto il nostro territorio protagonista in negativo con episodi di grave inciviltà che vanno arginati anche con iniziative che valorizzino la buona educazione ambientale.

Quindi, questa iniziativa, fa parte di un progetto più ampio?

Sì, vogliamo far partire sul territori comunale un progetto ad ampio respiro, che ci permetta di rivedere e migliorare tutte le questioni che rientrano nell’ambito della gestione ambientale e del ciclo dei rifiuti. Sotto questo aspetto, purtroppo, negli ultimi anni si sono riscontrati dei seri problemi sia dal punto di vista della raccolta differenziata che sulla gestione nell’insieme del ciclo rifiuti.

Questo ha comportato una serie di problematiche molto complesse, che poi sono la causa di tutti i problemi sanitari che, purtroppo, ci ritroviamo ad affrontare sul nostro territorio. Chiaramente queste problematiche non fanno capo solo alla gestione delle vecchie amministrazioni del ciclo rifiuti, ma anche a un sistema di cose che ha generato nell’insieme i disastri che poi hanno portato, nel corso degli anni, la nostra regione al disastro ambientale.

Però, noi pensiamo che l’amministrazione di un Comune possa fare e debba fare tanto per cercare di risolvere la questione rifiuti per garantire così il benessere dei cittadini e la salvaguardia del territorio.

Abbiamo potuto notare, chiedendo un po’ in giro e registrando gli umori della cittadinanza sui vari social network, che questa iniziativa ad alcuni  è sembrata puramente simbolica e poco incisiva e che in realtà serva a ben poco rispetto a quello che si dovrebbe fare per risolvere la questione rifiuti e tutte le problematiche a essa collegate. Lei cosa ci può dire in merito?

Ho già chiarito in parte a tale questione nelle risposta precedente. Però, mi sembra giusto un’ulteriore chiarimento sull’argomento. Sicuramente questa iniziativa non è risolutiva e non può essere considerata qualcosa che pone fine ai problemi sulla gestione rifiuti.

Questa iniziativa è uno dei passi che l’attuale amministrazione vuole fare verso una gestione del ciclo rifiuti e dell’ambiente in generale, ma l’impegno non si limita a questo. Puliamo il Mondo è un punto di partenza per sensibilizzare i cittadini sul tema.

Una campagna con una visibilità nazionale che ci aiuta a intavolare un discorso di educazione e sensibilizzazione che poi dovrà proseguire nei prossimi mesi e anni attraverso iniziative sia nelle scuole, ma anche coinvolgendo le associazioni ambientaliste presenti sul territorio e la società civile.

Partendo da “Puliamo il Mondo”,  quindi,  quali altre iniziative ha intenzione di intraprendere il Comune per trattare e contrastare la criminalità legata allo smaltimento dei rifiuti?

Allora, sicuramente anche su questo delicato argomento, legato al ciclo dei rifiuti, una delle chiave di lettura è la sensibilizzazione. Il comune di Brusciano, quindi, nell’ambito  dell’organizzazione dei servizi legati allo smaltimento rifiuti e di conseguenza alla raccolta differenziata sta organizzando una serie di iniziative che a breve esporremo alla cittadinanza.

Per il momento penso sia ancora prematuro parlarne. Posso anticiparvi, però, che stiamo lavorando alacremente per migliorare la gestione dei ciclo rifiuti e tutto quello che è legato alle questioni ambientali. Per quanto riguarda invece il contrasto delle attività criminali legati allo smaltimento e al ciclo rifiuti ci stiamo attivando per modificare la metodologia legata alla raccolta differenziata che è una delle prime attività che se svolta in modo adeguato lancia un profondo segnale di civiltà che poi sta alla base del rispetto delle regole.

Ci impegneremo nella campagna di sensibilizzazione della cittadinanza su questo tema, con manifesti e anche con sanzioni che saranno naturalmente allargate anche ad altri ambiti. Purtroppo, su questo tema oltre al controllo e alla sensibilizzazione dei cittadini, i quali possono diventare dei preziosi alleati per contrastare fenomeni criminali con le loro segnalazioni. In questo momento bisogna potenziare la cultura della legalità.

Una cultura che si lega fortemente al rispetto dell’ambiente. Situazione al limite della legalità possono essere intercettate dai cittadini stessi che non vanno lasciati soli e anzi aiutati e spronati a segnalare al comune quelle attività che spesso poi sono origine di disastri e potenziale pericolo. Naturalmente, prima di tutto, bisogna attivare una rete di controlli e di monitoraggio del territorio.

Abbiamo intenzione di istallare sul territorio diverse telecamere per la videosorveglianza. In questo modo speriamo di rendere più sicuro il nostro territorio anche da attività criminali, non solo legate al ciclo rifiuti, che attualmente inquinano e rendono insicura la nostra quotidianità.

Al momento una delle nostre priorità è proprio il controllo e monitoraggio del territorio, una maggiore e più efficacie collaborazione con le altre istituzioni preposte alla sicurezza del territorio e la sensibilizzazione dei cittadini.

 

In questa iniziativa verranno coinvolte anche le scuole oltre ai volontari che hanno deciso di aderire alla campagna?

Si, verranno coinvolte. I ragazzi sono il nostro futuro per cui noi abbiamo scelto di coinvolgere le scuole presenti sul territorio di Brusciano nell’iniziativa.  Nello specifico abbiamo pensato di creare un evento dedicato proprio ai bambini. Un’iniziativa che andremo poi a definire nel dettaglio nei prossimi giorni.

Magari riprenderemo il discorso andando più nello specifico in un’altra occasione.

Noi siamo qui a disposizione sicuramente tra i nostri interessi c’è quello di informare la cittadinanza sulle attività che il Comune svolge sul territorio.

Come si svolgerà, quindi, l’iniziativa?

L’iniziativa sarà divisa in due giornate. Il momento principale sarà, appunto, quello dedicato all’attività che andremo a svolgere sul territorio con i ragazzi delle scuole. Verranno, quindi, selezionati, dai dirigenti scolastici alcuni rappresentanti per classe.

Scelti i ragazzi che parteciperanno all’evento con loro ci recheremo in una determinata area del nostro comune. Giunti sul posto, con l’aiuto dei volontari e degli insegnanti, inizieremo a pulire e a fare una sorta di raccolta differenziata in loco. Terminata questa attività, successivamente, nell’area pulita, andremo a piantare delle piantine.

Abbiamo, poi, deciso di trasformare quest’aria in una sorta di laboratorio permanente in cui organizzeremo iniziative simili coinvolgendo i ragazzi anche nei prossimi mesi. Sarà una sorta di adozione di una piccola area del comune dedicata a questa iniziativa.

 

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait…


Sara Giannino