0
Posted novembre 8, 2017 by admin in Comix
 
 

Stella Del Mattino – Annah e Piru


Stella Del Mattino – Annah e Piru

Racconto originale di Alessandro Cavaliere (personaggio ideato da Giuseppe Ferrante che ha anche realizzato i disegni)

 

Stella Del Mattino – Racconto breve….

 

 

Stella del mattino accompagnami nel mio viaggio,

illumina il buio che ancora il giorno non è riuscito a dissipare

dissolvi le ombre che la notte ha lasciato in me

proteggi con la tua luce lontana i miei cari

oh, mia cara stella,

bellissima stella del mattino,

illumina per sempre il mio cammino.

Annah canticchiava le strofe di una vecchia ninna nanna che suo nonno Cristoph le cantava sempre quando piccolissima non riusciva ad addormentarsi. Quella mattina si era svegliata presto il sole fuori dalla sua finestra ancora non aveva completamente illuminato il cielo.

Per anni Annah aveva immaginato che quella piccola stella descritta dalla ninna nanna del nonno vegliasse su di lei.  Era cresciuta e quell’idea aveva iniziato a sbiadire. Il nonno era scomparso e i problemi quotidiani che la sua famiglia stava attraversando sembravano averle rammentato che la realtà era ben diversa.

Il mondo che la circondava sembrava dirle che non esistevano stelle del mattino che potessero proteggere lei e i suoi cari. Erano passati pochi anni da quando il suo mondo spensierato di bambina era stato sostituito da quello di una adolescente che non riusciva a inserirsi tra i ragazzini della sua età e a comprendere gli adulti e i problemi che questi ultimi dovevano affrontare.

Poi, però, c’era stato l’incontro con Piru. Lo spiritello venuto da una dimensione magica che ora infestava i suoi capelli.

Quell’incontro aveva cambiato nuovamente la sua visione del mondo e le aveva fatto rammentare quella piccola stella del mattino che da bambina il nonno sosteneva la proteggesse dai mali della vita.

<<Cosa stai cantando?>>. Le chiese Piru.

<<Una vecchia ninna nanna che mio nonno Cristoph mi cantava quando ero bambina>>.

<<Perché ora sei adulta?>>.

<<Sai, sto pensando di rasarmi i capelli a zero>>.

<<Crudele>>.

<<Bellissima stella del mattino illumina per sempre il mio cammino>>. Ripeté Annah.

<<Voi umani siete strani>>. Disse Piru.

<<Voi spiriti della natura invece no?>>.

<<Sì, anche noi ma voi di più. Potete racchiudere nei vostri cuori una dolcezza infinita ed essere allo stesso tempo crudeli e spietati>>.

<<Siamo creature complicate effettivamente>>.

<<Effettivamente>>.

<<Tra poco è mattina e devo andare a scuola>>.

<<Un’altra giornata nel triste mondo degli umani>>.

<<Devo sistemarmi i capelli>>.

<<Mica hai veramente intenzione di raparti a zero? Non pensi a me?>>

<<Chissà>>.

<<Sob>>

 

Fine.

No votes yet.
Please wait…


admin

 

Mithril Art – Rivista Letteraria – Associazione Culturale